AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Le nostre opzioni. Come e di quanto variano?

I contratti di opzione non sono quasi mai standard e quasi sempre personalizzati dal broker nelle condizioni di offerta, nelle condizioni di puntata, nel profilo rischio/rendimento, nella scelta del sottostante.

Tralasciando un attimo le categorie-tipo in cui si suddividono le opzioni, è diventato, vista l’alta volatilità di alcuni sottostanti, fondamentale capire come variano i nostri contratti di opzione.

Per tale scopo, vengono utilizzati alcuni indicatori fondamentali. Non ci concentreremo sulle modalità operative della loro determinazione, quanto sul concetto alla base di quegli elementi d’attenzione che non sono assolutamente da trascurare ed, anzi, partiremo proprio da essi.

Le opzioni. Cosa non bisogna trascurare?

  • Al variare delle quotazioni del sottostante, le opzioni come cambiano? Ci interessa capire di quanto si modificherà il valore del nostro contratto, a partire da un apprezzamento o deprezzamento del sottostante. Nell’ambito del trading binario, il quantum non dipende dal fatto che le opzioni standard siano call (al rialzo) o put. Quindi, se viene stabilito che la reattività dell’opzione è pari al 100% al variare del sottostante in apprezzamento, di tanto si apprezza la call, di tanto si deprezza la put. Uno degli indicatori fondamentali utilizzati è rappresentato dal cosiddetto “Delta”, coeteris paribus altre personalizzazioni in calce al contratto.
  • All’aumentare del tempo in cui si detengono le opzioni in portafoglio, di quanto e con quale velocità il nostro contratto perde di valore?
  • Vi sarete accorti che le previsioni basate sul solo Delta sono incomplete, in quanto tutto dipende anche dal tipo di scommessa che si piazza con l’opzione che a, questo punto, potrebbe essere in utile (in the money). Quindi, il Delta va integrato di tali informazioni.
  • Non dimentichiamoci di cercare di capire quale sarà la reattività dei nostri contratti di opzione alla volatilità del mercato. Che cosa è la volatilità? E’ la tendenza del mercato a discostarsi con una certa intensità dai valori medi di seduta. E’ possibile che alcune opzioni siano più sensibili di altre a questo aspetto? Senz’altro.

Le “greche” sono le più utilizzate dal Trading binario per ottimizzare la propria esposizione di portafoglio. Quindi, non è solo sufficiente scegliere la scommessa ma anche sondarne le caratteristiche tecniche. Potrebbe trattarsi di dettagli insignificanti ma sono molto attuali anche considerando le molte ricerche che vengono effettuate sullo stile di propensione/difesa dal rischio adottato dai fondi a risparmio gestito, in qualche modo legati, pur se in un’ottica di medio/lungo termine (risparmiatori-investitori), al trading binario.

Gli strumenti per tradizione utilizzati strategicamente vengono adoperati anche con impronta tattica. La volatilità del mercato lo richiede. Attenzione, dunque, alle opzioni da scegliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piattaforme Opzioni Binarie - Guida ai Migliori Broker © 2015 Frontier Theme privacy - contatti - termini di utilizzo - sito avviso rischi