AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Perché si chiamano Opzioni Intervallo o range?

Una particolare tipologia di opzioni binarie è rappresentata dalle opzioni intervallo o range, dette così perché appunto le proprie previsioni hanno come riferimento focale l’intervallo dei prezzi o banda entro la quale gli stessi tendono ad oscillare.

I metodi di analisi tecnica consigliati devono consentire un migliore ritracciamento delle quotazioni, di modo da capire se si manterranno entro quella “striscia” scelta da noi o stabilita dal broker. Non tutti prevedono le opzioni intervallo o range alla stessa maniera.

In questo spazio, ci occuperemo appunto di cercare di dare uno sguardo complessivo al mondo delle opzioni intervallo o range, alle loro differenze ed alle tecniche consigliate.

Le opzioni intervallo. Come bisogna ragionare?

Uno degli strumenti di mercato più appropriati per le opzioni binarie intervallo o range è rappresentato dalle “Bande di Bollinger“. Con l’aiuto dei “numeri di Fibonacci”, molto utili nel mondo del trading binario abbiamo la possibilità di fissare delle “soglie critiche” sulle quali basarci per fondare le nostre previsioni.

Ma perché proprio i numeri di Fibonacci? Perché lo scopo delle nostre opzioni binarie è di individuare un’area massima di oscillazione dei prezzi. Starà, poi, a noi valutare come impostare la previsione per l’opzione binaria-tipo, a seconda che gli estremi del range siano:

  • fissati dal broker o piattaforma
  • scelti discrezionalmente da noi
  • adattivi, ovvero soggetti a variazione, a seconda della dinamica dei prezzi

Cerchiamo così di capire come ragionare con le opzioni binarie intervallo.

Innanzitutto, dobbiamo fare attenzione a selezionare il giusto asset, dato che per un sottostante altamente volatile sarà complicato stabilire se i prezzi si mantengono all’interno della soglia fissata oppure no. E si sa che le deviazioni transitorie dei prezzi sono quelle più complicate da governare.

In questo esempio possiamo notare un sottostante ideale per lo scopo, non per la sua natura ma in ragione del contesto economico che stiamo vivendo, in cui, sul fronte del calo del petrolio, non vi è l’interesse della sterlina britannica a controbilanciare, più di tanto, il caro dollaro. Vediamo, come il cable tende ad assestarsi in un determinato intervallo di valori.

Senza nome

Come potete notare la maggiore o minore difficoltà della previsione dipende non solo dalla volatilità del sottostante ma anche dall’ampiezza del range. Quanto più quest’ultimo si assottiglia, tanto più diminuisce la probabilità di azzeccare le previsioni e bisogna essere tanto più abili a capire la direzione dei prezzi, tenendo conto che il mercato lascia sempre spazio ad imprevisti.

Nostro obiettivo nel caso in riquadro è scegliere uno dei due range (1,52255-1,52004 oppure 1,52004-1,51753) che si muove man mano che variano i prezzi secondo una “ragione” costante stabilita dal broker.

Le differenze tra le opzioni binarie intervallo riguardano, quindi:

  • la maggiore o minore difficoltà previsionale (uno dei fattori che vi incide è certamente l’ampiezza dell’intervallo inferiore o superiore), associata a sua volta ad un maggiore o minore rendimento. Laddove aumentano le difficoltà di predicibilità, di conseguenza, aumentano anche i rendimenti
  • la libertà di fissare gli estremi dell’intervallo
  • le caratteristiche interne: le opzioni binarie intervallo possono caratterizzarsi della presenza di due intervalli non consecutivi, tra di loro nettamente separati

Oltre alle bande di bollinger ed ai Numeri di Fibonacci, c’è qualche altro utile supporto tecnico che ci può consentire di effettuare al meglio le nostre previsioni? Sicuramente, gli oscillatori di mercato ci permettono di capire se il mercato può essere caratterizzato da balzi improvvisi dei prezzi oppure no, quei “salti” delle quotazioni verso l’alto o verso il basso che di conseguenza, rappresentando solo deviazioni transitorie dalla traiettoria principale dei prezzi, sono piuttosto difficili da prevedere. In quest’ultimo caso ci teniamo più cauti e cerchiamo assolutamente di investire con una certa cognizione del rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piattaforme Opzioni Binarie - Guida ai Migliori Broker © 2015 Frontier Theme privacy - contatti - termini di utilizzo - sito avviso rischi